Beffa finale per il Bologna, 1-1 al 96′

All’Olimpico va in scena la partita che non ti aspetti, pronti via e Bologna in vantaggio grazie all’ esprdiente Helander che insacca in scivolata un cross calciato da Verdi. I ragazzi di Donadoni macinano gioco, pressano e raddoppiano sui portatori palla dei biancoazzurri, ci sarebbe anche la possibilità di andare 2-0, ma Di Francesco non riesce a spingere in rete da un metro. Poi occasioni solo per la Lazio ma non riesce a concretizzare nulla. I cross di Keita e Milinkovic sono continui ma Immobile e Lulic non riescono ad usufruirne complice anche un grande Da Costa. Da segnalare nel secondo tempo l’entrata in scena della goal line technology per spegnere immediatamente tutte le proteste su un presunto autogol di Pulgar. Apprensione per la testata tra Floccari e De Vrij costretti ad uscire: l’olandese perde i sensi per qualche secondo ed esce in barella, l’attaccante rimane stordito e rientrerà negli spogliatoi dopo qualche minuto. Si arriva al novantaseiesimo, frittatona di Masina e Oikonomou che si dimenticano di spazzare il pallone ai limiti dell’area piccola, Keita ruba la sfera e cade in area. Rigore dice Di Bello, purtroppo oltre il danno la beffa con la moviola che sconfessa quanto deciso dall’arbitro, Ciro Immobile non sbaglia e trova il pareggio dagli undici metri.
Il Bologna è squadra giovane e si vede nel bene e nel male proprio in queste partite. Mister Donadoni ha dalla sua la sfortuna di non poter fare scelte tecniche sui cambi, figli tutti e tre di problemi fisici. Buono il rientro di M’baye e l’esordio di Helander, male I protagonisti dell’episodio cruciale. Da Costa MONUMENTALE.
@ndy

RICOMINCIA “FINO ALLA FINE FORZA BOLOGNA!” ALLE 21 RADIO BOLOGNA UNO

“FINO ALLA FINE FORZA BOLOGNA” RITORNA DA DOMENICA ALLE 21 SU RADIOBOLOGNAUNO FM89.800 – www.radiobolognauno.it
Con Andy e Bomber il dopo partita di Radio Bologna Uno, in regia Simone “Sifone” Gandolfi, ospiti le firme di Radio, Tv e carta stampata: Alessandro Mossini, Marco Francia. Greta De Cupertinis. Rita Mandini, Sabrina Orlandi, Emilio Marrese, Matteo Negri, Enrico Bonzanini… e tanti altri amici.

STAY TUNED ON BOLOGNA UNO

Strascichi di calciopoli, Juventus e Fiorentina a rischio sanzione.

La querelle prende il via dalla richiesta di risarcimento da parte di Victoria 2000 srl di proprietà dell’ex presidente del Bologna Giuseppe Gazzoni Frascara. La società, a luglio, ha presentato regolare denuncia contro i dirigenti della Fiorentina per il mancato accantonamento nel bilancio del dicembre 2015 della somma andrebbe corrispondere a titolo di risarcimento danni in caso di “condanna” per le note vicende legate a Calciopoli. Per effetto della denuncia, viene coinvolta anche la Società Bianconera di Torino che a sua volta non ha provveduto alla stessa imposizione di legge.

Sui bianconeri, per giunta, pende non solo la richiesta di risarcimento della società Vittoria 2000, ma anche quella personale dell’ex numero uno rossoblù, presso il tribunale di Roma, per un totale di 113 milioni di euro.
La Richiesta complessiva di risarcimento ai persuguiti ammonta a 443 milioni di euro, ed è ad oggi esecutiva. Come stabilito dalla IX Sezione del Tribunale di Napoli, saranno “liquidati in separata sede” i danni a favore delle parti civili del processo di Calciopoli.